emissioni in atmosfera

Il D.P.R. 203/88, pur non abrogando tutta la normativa precedente, ne ha sostanzialmente modificato i contenuti, assumendo il ruolo di Legge quadro in materia di inquinamento atmosferico. Con l’entrata in vigore di tale D.P.R. e dei sui provvedimenti applicativi, sono derivati elementi di disciplina delle emissioni industriali, criteri per la valutazione della qualità dell’aria per il monitoraggio dell’inquinamento atmosferico e per la pianificazione delle azioni di risanamento e la regolamentazione delle caratteristiche merceologiche dei combustibili e del loro impiego.

L’emanazione del D.P.R. 203/88 ha dato attuazione alle Direttive CEE concernenti la qualità dell’aria, il controllo di specifici inquinanti e l’inquinamento prodotto dagli impianti industriali.

La disciplina degli “impianti esistenti” al 1° luglio 1988, ha trovato esecuzione attraverso il D.M. 12.07.1990 che fissa le linee guida per il contenimento delle emissioni inquinanti degli impianti industriali ed i valori limite di emissione.

Per i restanti impianti, successivamente installati, modificati e/o trasferiti, il predetto D.P.R. prevede la predisposizione di specifiche richieste di autorizzazione e successivi adempimenti relativi alla manutenzione ed al controllo periodico degli inquinanti.

La normativa di riferimento a livello nazionale in materia di rifiuti è rappresentata dal Decreto legislativo n. 152 del 3 aprile 2006, emanato in attuazione della Legge 308/2004 “delega ambientale” e recante “norme in materia ambientale”. Tale Decreto dedica la parte IV alle “Norme in materia di gestione dei rifiuti e di bonifica dei siti inquinati” (articoli 177 – 266) ed ha abrogato una serie di provvedimenti precedenti tra cui il Decreto legislativo n. 22 del 5 febbraio 1997, cosiddetto Decreto “Ronchi”, che fino alla data di entrata in vigore del D.lgs. 152/06 ha rappresentato la legge quadro di riferimento in materia di rifiuti.

Il Centro di Igiene Ambientale (Via Carrara, 12/A – Tor Tre Ponti 04013 Latina Scalo (LT) Lazio) e’ in grado di fornire alle Aziende tutto il necessario supporto tecnico per ottemperare a quanto previsto dalla normativa vigente:

Analisi quali – quantitativa delle emissioni, convogliate o diffuse nell’atmosfera e controllo periodico.

Assistenza e redazioni di relazioni tecniche per la richiesta di autorizzazione alle emissioni, sia per impianti esistenti che per nuovi insediamenti;

Assistenza per il mantenimento o l’eliminazione di coperture in cemento-amianto ai sensi della legge n° 257 del 27/03/92, e nuove direttive del D.Lgs 03 agosto 2009 n. 106

Rilevazione ed identificazione delle fibre di amianto mediante microscopia ottica in contrasto di fase (MOCF) o elettronica a scansione (SEM) e spettrometria a raggi X.